21 dicembre 2013

Spicchi ai fichi e marmellata d'arance con i miei auguri





Con questi candidi biscotti dal ripieno tipicamente natalizio, fichi, frutta secca e arance, vorrei augurarvi un sereno Natale e giorni ricchi di belle emozioni, sorrisi, incontri, e perché no, anche di un meritato riposo.
Mi prendo alcuni giorni di pausa. Giorni che passerò con la mia famiglia, e in particolare con mio marito che dopo le feste non vedrò per un lungo periodo. Ho bisogno di dedicarmi e concentrarmi sugli affetti reali, vicini.
Ci ritroveremo sicuramente in gennaio, magari con qualche mia ricetta leggera!!!

UN CALOROSO AUGURI A TUTTI!!!




INGREDIENTI
per la frolla:
200g di farina 00
100g di farina di grano duro
80g di zucchero
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1 uovo
50ml di olio di semi di girasole
60ml di vino bianco( circa)
per il ripieno:
100g di fichi secchi
30g di frutta secca (noci, mandorle, nocciole)
1/2 cucchiaino di cannella
3 cucchiaini colmi di marmellata d'arance
zucchero al velo


Tritate i fichi e la frutta secca. Potete farlo col coltello o mettere il tutto in un mixer. Unite la cannella, la marmellata e mescolate.
Mettete le farine, lo zucchero, il lievito in una ciotola. Aggiungete l'uovo, l'olio e il vino. Impastate molto bene formando un impasto liscio. Stendetelo all'altezza di 2-3 mm, ritagliate dei cerchi e mettete in ogn'uno un po' di fichi. Ripiegate formando una mezza luna, sigillate i bordi e datele una forma di spicchio. Sistemate gli spicchi in una teglia rivestita da carta forno e mettete in forno caldo a 180° statico per 15-18 minuti. Lasciteli raffreddare su di una graticola. Spolverate con lo zucchero al velo.







19 dicembre 2013

Patate, funghi e gamberi per un'insalata tiepida




Terra e mare. Patate, funghi e gamberi. Frutti della terra e abitanti dell'acqua. Messi insieme danno vita a questa insalata dai sapori semplici, come semplici sono gli ingredienti.
Potrebbe essere un'idea per un antipasto nelle prossime feste. Ottima anche come piatto unico in una giornata qualsiasi.

Ci ritroviamo al prossimo post con una ricetta dolce.








INGREDIENTI
 per 4 porzioni come antipasto
4 patate medie
una decina di funghi champignons
8 gamberi o mazzancolle
uno spicchio d'aglio
olio
sale
 il succo di 1/2 limone 
erba cipollina



Lessate le patate. Pulite i funghi con uno strofinaccio o sciacquateli velocemente sotto l'acqua corrente e asciugateli. Tagliateli a fette e metteteli in una padella con un filo d'olio e l'aglio. Fateli cuocere a fuoco vivace per 4-5 minuti. In un'altra padella mettete i gamberi con un goccio d'acqua, copriteli con un coperchio e fateli cuocere per 4-5 minuti.
Sbucciate le patate ancora calde, tagliatele a pezzi e dividetele in quattro piatti. Dividete anche i funghi e finite con i gamberi a cui avrete eliminato testa e guscio. In una ciotolina formate una salsina mescolando l'olio, il sale, il limone e l'erba cipollina. Irrorate le patate, funghi e gamberi con la salsina e servite.






17 dicembre 2013

Crema all'anice stellato, melagrana, pistacchi e con biscottini






Oggi giusto due paroline per dare la giusta presentazione a questo dolce al cucchiaino, dalla realizzazione semplicissima, accompagnato da dei biscotti savoiardi un po' particolari, con miele, senza glutine, e molto, molto friabili. 
Presentatelo in coppe di vetro, avrete un dolce elegante e di grande effetto. 





INGREDIENTI

Per la crema:
500ml di latte
80g di zucchero
40g di fecola
3 stelle di anice stellato o in polvere
alcuni pistacchi non salati
alcuni chicchi di melagrana

Mettete in un pentolino la fecola e lo zucchero. Aggiungete il latte poco per volta formando una crema e in ultimo le stelle di anice. Mettete sul fuoco e portate a bollore sempre mescolando. La crema sarà pronta quando si sarà addensata. Eliminate l'anice e versatela in bicchierini o ciotoline, decorate con i pistacchi tritati grossolanamente e con i chicchi di melagrana.


Per i biscotti:
2 uova
70g di farina di riso
70g di amido di mais
50g di zucchero
un cucchiaio di miele all'arancia o altro

Separate i tuorli dagli albumi. Montate gli albumi con lo zucchero a neve, molto, molto ferma. In un'altra ciotola sbattete i tuorli con il miele fino a quando saranno cremosi. Unite i tuorli agli albumi e in ultimo la farina e l'amido. Mescolate molto lentamente con una spatola, dal basso verso l'alto. Mettete il composto in una sacca da pasticcere con una bocchetta grande e formate i biscotti disponendoli direttamente su di una teglia rivestita da carta forno. Io non ho usato la sacca ma ho formato i biscotti mettetendo il composto con un cucchiaio sulla carta forno e dandole una forma arrotondata. Mettete in forno caldo a 190°statico per 10 minuti. Metteteli a raffreddare su di una graticola.







15 dicembre 2013

Mini polpettine di pollo con insalata nord-sud



Sarà per la loro mini dimensione, sarà perché le polpette sono sempre le polpette, sarà che sono morbide, sarà che sono velocissime da fare, sarà che si prestano sia come finger food sia per altre preparazioni, sarà... ma queste polpettine sono di quelle che una tira l'altra e non bastano mai. Per questo, nel caso decidiate di farle come finger food, vi consiglio di aumentare le dosi degli ingredienti, perché quelle che vi darò sono per un'insalata per quattro persone.
Quest'anno sono un po' in alto mare, diciamo che sto navigando in un grande oceano( poichè non so nuotare annegherò), non riesco ad organizzarmi con il menù di Natale. Forse perché subito dopo capodanno mio marito partirà per uno dei suoi lunghi viaggi di lavoro e lo rivedrò solo a fine marzo. Chissà, forse sarà per questo...

P.S. mi sono dimenticata di spiegarvi il perché ho chiamato l'insalata nord-sud: nord, perché l'insalata di cavolo è tipica dei paesi nordici, sud, per le nostre meravigliose e preziose arance.






INGREDIENTI
300g di petto di pollo
20g di parmigiano
40g di ricotta vaccina
noce moscata
del prezzemolo
sale
pangrattato
olio


per l'insalata non vi do le dosi ma solo gli ingredienti:
cavolo bianco e cavolo rosso in proporzioni variabili (o radicchio rosso)
2 arance
alcune noci sgusciate
olio 
sale
pepe


Mettete il petto di pollo in un mixer e tritatelo. Aggiungete, direttamente nel mixer o se preferite in una ciotola, la ricotta, il parmigiano, prezzemolo, una macinata di noce moscata e sale. Impastate tutti gli ingredienti, formate delle piccole palline e passatele nel pangrattato. Per la cottura potete scegliere: metterle in forno in una teglia oliata fino a quando saranno dorate o passarle in una padella antiaderente con dell'olio fino a doratura. 
Per l'insalata, tagliate i cavoli molto sottili e metteteli in una ciotola. Pelate con un coltello un'arancia e un 3/4 dell'altra, eliminate tutta la parte bianca e tagliatele a fettine o pezzi. Spremete la parte avanzata e versate il succo in una ciotolina. Aggiungete l'olio, il sale e pepe. Mescolate formando una salsina che andrete a versare sui cavoli. Mescolate e dividete i cavoli in quattro ciotole o piatti. Aggiungete le arance, le polpette e le noci spezzettate grossolanamente. 




12 dicembre 2013

Fagottini ripieni di ricotta al profumo d'arancia






Era un po' che non facevo una ricetta con un ripieno di ricotta. A me mancava! Ho rimediato con questi soffici fagottini, il cui impasto è lo stesso di una ricetta che vi ho proposto un anno fa" ghirlanda di pane dolce", perfetta per le feste natalizie.
L'impasto è molto veloce da fare, nonostante questo ha un'ottima riuscita.
Nel ripieno di ricotta, ho aggiunto scorze d'arancia candite e cannella. Niente vi vieta di sostituirli con gocce di cioccolato, marmellata o una crema di nocciole che trovate QUI . A voi la scelta!






INGREDIENTI
250g di farina 00
250g di farina di manitoba
30g di zucchero
30g di burro morbido
2 cucchiai di miele all'arancia + quello per spennellare
una bustina di lievito di birra secco
la scorza grattugiata di un'arancia
un uovo
220 ml di latte tiepido

per il ripieno:
100g di ricotta di pecora o vaccina
un cucchiaino di miele all'arancia
30 g di zucchero
un cucchiaio di farina 00
un cucchiaino di cannella
30g di scorze d'arancia candite

Mettete in una ciotola le farine con lo zucchero, il lievito e la scorza d'arancia. Unite, l'uovo, il miele, il burro e il latte. Impastate molto bene, coprite e mettete in un luogo caldo per almeno un'ora. Fino a quando ha raddoppiato il volume. 
Stendete l'impasto alto 1cm e ritagliate dei rettangoli. Io ne ho fatti 10, ma potete farli anche più piccoli. Mescolate in una ciotola la ricotta con tutti gli altri ingredienti. Dividete il composto nei rettangoli e piegateli formando i fagottini. Schiacciate i bordi con le dita, sistemateli su di una teglia rivestita di carta forno, copriteli e lasciateli lievitare ancora per un 30 minuti circa.
Mettete in forno caldo a 180°statico. Quando iniziano a dorare, sfornatele, spennellatele con un cucchiaino di miele mischiato con un po' d'acqua e cospergate con mandorle a lamelle o granelle di zucchero. Rinfornate fino a quando saranno completamente dorate. Lasciatele raffreddare su di una graticola.





10 dicembre 2013

Risotto di pasta con funghi trifolati






Se potessi non guardare il calendario (invece mi tocca se voglio ricordarmi impegni e scadenze), fermerei per un po' il tempo, giusto quello necessario per riuscire a fare alcune cose che la mancanza di tempo non mi permette di fare. 
E poi, dovrei iniziare a mettere da parte qualche idea per Natale, poiché da qualche anno lo festeggiamo a casa mia. Le idee e i suggerimenti, anche da parte vostra, non mancano, devo solo riuscire a riordinare il tutto.
Per fortuna ogn'uno di noi ha gusti o esigenze diverse nel gustare o consumare il cibo, altrimenti non potremmo trovare sempre nuove ricette e tutto sarebbe piatto e monotono! Un esempio potrebbe essere la ricetta di oggi,  un'idea per le persone che non amano il riso ( esistono!), o semplicemente per preparare un risotto dalla consistenza diversa, ma che mantenga i sapori del classico risotto allo zafferano.






Per il risotto ha preso ispirazione da una ricetta di Viviana Lapertosa

INGREDIENTI
per il risotto:
300g di risoni all'uovo
1l di brodo vegetale (se preferite di carne)
1/2 bicchiere di vino bianco
50g di parmigiano grattugiato
una noce di burro
una bustina di zafferano
sale 
pepe
un limone

per i funghi:
500gr di funghi champignons
1 spicchio d'aglio
prezzemolo tritato
olio
sale
pepe


Pulite i funghi*, tagliateli a fettine e metteteli in una padella con un filo d'olio, l'aglio e sale. Fate cuocere per alcuni minuti, devono essere croccanti. A fine cottura aggiungete il pepe e il prezzemolo.
Fate scaldare un filo d'olio in una casseruola, aggiungete la pasta e fatela tostare. Sfumate con il vino, lasciate evaporare e continuate la cottura aggiungendo il brodo caldo. Dopo 5 minuti aggiungete lo zafferano. Ci vorranno 7-8 minuti di cottura totale. Togliete dal fuoco, aggiungete il burro e il parmigiano. Non deve essere asciutto ma piuttosto cremoso, altrimenti vi ritroverete un risotto stopposo.
Mettete il risotto nei piatti, aggiungete al centro i funghi trifolati e finite con la scorza grattugiata del limone e pepe.
*I funghi non andrebbero lavati, ma puliti con una pezza. Io preferisco darle una lavata veloce sotto l'acqua corrente. L'importante è non lasciarli a bagno nell'acqua.




08 dicembre 2013

Brioches finger food





In questi giorni ho preparato queste brioches salate (e non solo!), con due ripieni diversi: pesto di noci, e salmone con olive nere e arancia. Le ho fatte piccole, piccole, da mangiare in un solo boccone, un vero finger food.
Sarebbero perfette come aperitivo, accompagnate da un cocktail spumeggiante, ma io essendo completamente astemia, non mi sono permessa di proporvi qualcosa che non avrei potuto assaggiare, se lo avessi fatto non sarei qui a scrivere questo post. Nessun problema con le brioscine, le ho assaggiate eccome!
Sapete tutti quanto sia versatile la pasta sfoglia e quante cose si possono preparare velocemente e avendo grandi risultati.
Vi lascio alla mia proposta di oggi.





INGREDIENTI
1 rotolo di pasta sfoglia
un uovo
semi vari

per il pesto di noci:
40g di noci
un piccolo spicchio d'aglio
4 cucchiai di pecorino
4 cucchiai di olio di oliva
rosmarino

Mettete tutti gli ingredienti in un mixer e frullate. Il pesto dovrà essere denso.

Per le brioches al salmone non vi do le dosi, ma solo gli ingredienti: del salmone affumicato, delle olive nere e la buccia grattugiata di un'arancia.



Prendete la sfoglia e ricavate dei triangoli come segnato nello schema. Se preferite brioches più grandi, dividete la sfoglia rettangolare nella parte più corta in due parti, e fate i triangoli con una base più larga. Nel caso della sfoglia rotonda, fate delle fette più larghe.
Mettete del pesto su un triangolo, arrotolate e incurvate le estremità in modo da darle la tipica forma delle brioches. Continuate fino ad esaurimento del pesto, e sistemate le brioches su di una teglia rivestita di carta forno.
Dovrebbero avanzare circa metà triangoli. In quest'ultimi mettete un pezzetto di salmone, delle olive che avrete in precedenza tritato e la buccia dell'arancia. Procedete come per le brioches al pesto, e sistematele sulla teglia.
In una ciotola, sbattete leggermente un uovo e spennellate le brioches. Cospergetele di semi come: sesamo e papavero.
Infornate in forno caldo a 190° fino a quando saranno dorate, circa 15 minuti.







04 dicembre 2013

Spaghetti integrali con cavolfiore, acciughe e senape





Con l'arrivo dell'inverno e del freddo, quello vero, quello che quest'anno sto facendo fatica a gestire, la mia spesa consiste in una grande quantità di verdure. Broccoli e cavoli (compresi cucini e cuginetti) non possono mancare, e una grande quantità di agrumi. È importante rinforzare il nostro corpo attraverso l'alimentazione.
Per questo oggi vi propongo degli spaghetti integrali con cavolfiore, un ortaggio Calorie Cavolfiore bo molto ricco di minerali, fibre e vitamina c, un vero toccasana per la nostra salute. Oltre ad averli insaporiti con capperi, pomodori e acciughe, le ho dato un tocco particolare con la senape. Veloci da preparare e molto saporiti. 







  INGREDIENTI
320g di spaghetti integrali
un cavolfiore piccolo
6 filetti di acciughe sott'olio
4-5 pomodori secchi sott'olio
30g di capperi dissalati
olive verdi
un cucchiaino di senape
2 cucchiai di succo di limone
prezzemolo
sale
pepe

Dividete il cavolfiore in cimette e lessatelo in acqua salata. In una padella mettete un filo d'olio, unite le acciughe e fatele sciogliere. Unite il limone, la senape, i pomodori tagliati a pezzetti, i capperi e le olive. Aggiungete il cavolfiore e mescolate. Nella stessa acqua che avete lessato il cavolfiore, lessate gli spaghetti. Versateli nella padella con il cavolfiore, unite il prezzemolo, il pepe e fate saltare il tutto. Aggiungete l'acqua di cottura degli spaghetti se necessario.







27 novembre 2013

Frittelle, non fritte, con patate e verza alla paprica.






Una di quelle cose che proprio non riesco, ma proprio non riesco a fare in cucina, è friggere. È più forte di me, è un odore che non riesco a sopportare. Non è gravissimo, ma mi condiziona in alcune ricette, perché alla fine infilo tutto in forno, come queste frittelle, non frittelle, e alcune volte è penalizzato anche l'aspetto finale.
Non posso dire che non mi piaccia il fritto, se fatto bene, ma decisamente non fatto da me!
Detto questo vi lascio alla ricetta di oggi che, sinceramente, credo sia venuta buonissima anche usando il mio amato forno.
La sottoscritta si è salvata anche questa volta!









INGREDIENTI
100g di verza già pulita
400g di patate già pulite
uno scalogno
2 uova
un cucchiaino di paprica dolce
sale
olio

Tagliate la verza a striscioline, mettetela in una padella con un filo d'olio, lo scalogno tagliato a rondelle sottili e salate. Fate cuocere a fuoco medio per alcuni minuti. 
Grattugiate le patate con la grattugia a fori grossi. In una ciotola sbattete leggermente le uova con la paprica e sale. Unite la verza e le patate. Mettete una cucchiaiata di composto in una teglia da forno rivestita di carta forno oliata, e continuate fino ad esaurimento delle verdure. 
Mettete in forno caldo a 190° per 15-20 minuti. Servitele calde. 



24 novembre 2013

Rochers al cocco





La mia continua ricerca di biscotti alternativi mi ha portato a questa ricetta trovata QUI.
Sono dei deliziosi biscottini dal sapore e profumo tutti al cocco.
Solo quattro ingredienti per dare forma a questi dolcetti francesi dal nome particolare: rochers, cioè rocce. In realtà sono croccanti fuori ma morbidi all'interno, diciamo che delle rocce hanno ben poco.
Li trovo belli, li trovo perfetti come dolcetto dopo cena e perfetti da regalare.
Rispetto alla ricetta originale ho solo sostituito il lime con il limone. Credo che questo particolare non abbia modificato di molto la ricetta. Provateli, non sono semplici da fare, sono semplicissimi!
Una serena giornata a tutti!






INGREDIENTI per 20 dolcetti (io 15)
130g di farina di cocco
80 g di zucchero
40-50g di albumi
la scorza grattugiata di un limone


Mettete in una ciotola tutti gli ingredienti e impastate. Formate con il composto ottenuto delle palline che allungherete leggermente verso l'alto. Sistematele in una teglia rivestita di carta forno e mettete in fono caldo a 180° per 15 minuti circa. Fateli raffreddare su di una graticola.




21 novembre 2013

Rotolo con patate, finocchi, semi di sesamo e papavero




Qui sembra che voglia arrivare la neve, oggi in alcuni momenti della giornata scendevano alcuni fiocchi che per fortuna si sono poi trasformati in acqua. Devo ammettere che da quando mio marito è lontano di casa per parecchi mesi l'anno, spero sempre che la neve s'impietosisca e scenda da un'altra parte. Abitando a più di 400mt di altezza sono poche le volte che mi accontenta!

Per questo rotolo ho usato la mia brisè, quella che utilizzo in molte torte salate come ad esempio la quiche ai broccoletti e brie.  Per questa ricetta ho aggiunto dei semi di sesamo.
Amo preparare torte salate e rotoli, sono versatili, si prestano a mille ripieni e danno spazio alla nostra fantasia.
Questo rotolo, come tutte le torte salate, si può mangiare si caldo che freddo. Preparatelo in anticipo ed avrete un ottimo pasto pronto.


INGREDIENTI
200g di farina 00
un cucchiaino di lievito per torte salate
1 albume d'uovo
30ml di olio di semi di girasole( o di oliva)
80-90ml di vino bianco
2 cucchiai di semi di sesamo
sale
pepe

per il ripieno:
500g di patate 
2 finocchi
70 g di speck a cubetti
semi di papavero
olio di oliva 


Lessate le patate in acqua salata, pelatele e tagliatele a fettine. Tagliate i finocchi a fettine, metteteli in una padella con un filo d'olio, salate, coprite con un coperchio e fateli cuocere  fino a quando sono teneri. In caso aggiungete dell'acqua.
Nel frattempo preparate la brisè. Mettete la farina in una ciotola con il lievito, i semi di sesamo che avrete precedentemente tostati in una padella antiaderente, sale e pepe. Aggiungete l'albume, l'olio ed il vino. Impastate il tutto fino ad ottenere un impasto liscio.
Stendete l'impasto alto 2-3 mm direttamente su di un foglio di carta forno. Mettete sopra le patate, i finocchi e lo speck. Lasciate liberi i bordi.
Ripiegate l'impasto verso l'interno in due lati opposti e arrotolate gli altri due lati aiutandovi con la carta forno. Spennellate con dell'olio e mettete i semi di papavero.
Sistemate il rotolo su di una teglia e mettete in forno caldo a 180° per 35-40 minuti circa.





18 novembre 2013

Lasagne con patate, radicchio e gorgonzola. Il pranzo della domenica.




Queste golose lasagne sono state il nostro pranzo della domenica, un piatto unico.
A parte la quantità di gorgonzola, potrebbero essere considerate "leggere".
Ma sì, di domenica è bello portare in tavola qualcosa di diverso, qualcosa che sappia stupire e non solo sano!
A chi non piacesse il gorgonzola, può sostituirlo con il taleggio, un formaggio comunque cremoso e dal gusto deciso. Una serena giornata a tutti!




INGREDIENTI
*20 fogli di pasta secca per lasagne,circa
600g di patate
300g di radicchio rosso
750g di besciamella
150g di gorgonzola
8-10 cucchiai di parmigiano grattugiato
olio
sale
*potete usare anche quelle fresche


Lessate le patate in acqua salata, sbucciatele e tagliatele a fettine. Tagliate il radicchio a striscioline, mettetelo in una padella con un filo d'olio, salate e lasciate appassire.
In una teglia da forno stendete un po' di besciamella. Sistemate dei fogli di pasta, ricoprite con delle patate, del radicchio, dei pezzetti di gorgonzola, besciamella e parmigiano.
Continuate fino ad esaurimento degli ingredienti, terminando l'ultimo strato con la pasta, besciamella e parmigiano.
Mettete in forno caldo a 190°per 25-30 minuti.
  






12 novembre 2013

Maltagliati di farro con ragù di lenticchie rosse e funghi porcini





Erano alcuni giorni che mi ripromettevo di preparare questi maltagliati. Finalmente una mattina mi sono messa al lavoro ed eccoli pronti per il pranzo. Peccato che in casa mia il pranzo sia consumato in molteplici orari e sono pochi i giorni in cui riusciamo a sederci tutti allo stesso tavolo.

La comodità delle lenticchie rosse decorticate è che non occorre l'ammollo, si cuociono in pochi minuti e rimangono morbide. La cosa buffa è che una volta cotte diventano gialle. I misteri della chimica! In realtà le nostre cucine sono dei piccoli laboratori sperimentali dove ogni giorno nascono, spesso per caso, nuove scoperte.
Lenticchie e funghi hanno fatto nascere un ragù saporito, veloce da preparare, sano e vegetariano.

Una serena giornata a tutti!





INGREDIENTI
200g di farina00
200g di farina di farro
100g di lenticchie rosse decorticate
10g di porcini secchi 
1 scalogno
4 foglie di salvia
2-3 mestoli di brodo vegetale
1/2 bicchiere di vino bianco
sale 
pepe
olio di oliva

Mettete i porcini a bagno in acqua tiepida.
Miscelate le due farine e impastate con dell'acqua fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Coprite e lasciate riposare per 30 minuti circa. 
Nel frattempo mettete in una padella lo scalogno tagliato a rondelle con un filo d'olio. Unite le lenticchie, la salvia, i porcini che avrete tolto dall'acqua e bagnate con il vino. Lasciate evaporare e aggiungete il brodo vegetale. Fate cuocere, a fuoco medio, fino a quando le lenticchie saranno ben morbide e salate. Se dovessero asciugare aggiungete del brodo vegetale, a fine cottura non devono essere asciutte. 
Stendete l'impasto sottile e tagliate dei quadrotti irregolari.
Fate cuocere i maltagliati in a qua salata, bastano 1-2 minuti. Scolateli e metteteli direttamente nella padella con le lenticchie. Fate insaporire, in caso aggiungete dell'acqua di cottura della pasta, e servite con un'abbondante macinata di pepe.











04 novembre 2013

Incontro tra risotto, verza e scamorza






Buongiorno a tutti! Oggi una ricetta veloce, veloce, dove un risotto avanzato ha incontrato una verza e una scamorza, unici superstiti del mio frigorifero...Ne è nato un connubio buonissimo, un piatto unico perché sostanzioso, un riciclo(quello del risotto) che mi ha conquistata. Provatelo e poi ditemi!







INGREDIENTI
un risotto per 4 persone avanzato(anche del giorno prima e va benissimo anche con zafferano)
300g di verza già pulita
200g di scamorza affumicata
uno scalogno
del brodo vegetale se necessario
sale 
olio

Mettete la in una padella la verza tagliata a pezzi con lo scalogno tritato, sale e un filo d'olio. Coprite con un coperchio e fate cuocere fino a quando la verza sarà tenera. Se fosse necessario, aggiungete del brodo vegetale per arrivare a fine cottura. Mettete d'olio in una padella, fate scaldare e sistemate metà del risotto livellandolo. Aggiungete la verza e la scamorza tagliata a fettine. Ricoprite con il restante risotto e fate cuocere a fuoco medio fino a quando saranno dorate entrambe le parti( giratelo con l'aiuto di un piatto). Servite subito.




28 ottobre 2013

Pesche sciroppate e amaretti per una torta di compleanno





Una di quelle cose che sinceramente non sono molto ferrata in cucina è la pasticceria di precisione. Sarà che amo molto di più i dolci da credenza, che sanno di casa.
Per questa torta, fatta per il compleanno di una delle mie figlie, mi sono impegnata...ho usato anche la panna che spesso cerco di sostituire!
Ha una cosistenza morbidissima, cremosa e profuma di amaretti. È piaciuta anche alla festeggiata, che è una brontolona! Ha compiuto 17 anni. Aiutoooo... com'è grande!









INGREDIENTI
200g di farina 00
130g di zucchero
1 uovo
120 ml di latte
30ml di olio di semi di girasole
una bustina di lievito per dolci
500g di ricotta vaccina
200ml di panna 
80g di zucchero al velo
3-4 pesche sciroppate + dello sciroppo 
8 amaretti + alcuni per la copertura


Sbattete molto bene l'uovo con lo zucchero e aggiungete il latte e l'olio. Unite la farina, il lievito e mescolate. Versate il composto in uno stampo da 24cm rivestito di carta forno e mettete in forno caldo a 180° per 20-25 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare.
Montate la panna. Mescolate la ricotta con lo zucchero al velo fino a quando diventa una crema. Unite la panna montata e mescolate. Dividete la crema in due parti. In una mettete gli amaretti sbriciolati nell'altra le pesche tagliate a pezzetti. 
Tagliate la torta in senso orizzontale in tre strati. Bagnate lo strato di base con dello sciroppo e spalmate metà della crema con le pesche. Coprite con lo strato centrale della torta e bagnate anche quest'ultimo con lo sciroppo. Spalmate metà della crema con gli amaretti e coprite con l'ultimo strato di torta. Usate le creme rimaste per ricoprire la torta e finite con degli amaretti sbriciolati.