Whoopie al muesli. Una scoperta...





Ebbene sì, lo ammetto, ignoravo l'esistenza di questi dolci fino a quando a mia figlia è stato regalato un libro in cui i Whoopie sono rappresentati in diverse versioni, tutte molto invitanti. Insieme alle molte ricette è narrata anche la storia, diciamo presunta, di come sono nati questi dolci. Ve la riporto esattamente come è citata sul libro.
"Evviva!", ecco che cosa significa "whoopie".
La loro nascita si perde nella tradizione degli Amish, una comunità nata in Svizzera nel 1500 che nel 1800 si trasferì negli Stati Uniti, in particolare modo nell'Ohio. Gli Amish vivono secondo alcuni principi guida che li portano a seguire una vita semplice e spartana, senza elettricità né automobili, lavorano i campi e vestono con abiti di altri tempi. La comunità si fonda sul reciproco aiuto: provvedono gli uni agli altri nel lavoro e nel denaro, come una grande famiglia.
Ma che cosa centrano gli Amish con i whoopie? Secondo la storia, le donne della comunità, come di consueto, preparavano per i mariti che lavoravano tutti i giorni nei campi e per i figli che andavano a scuola i cestini del pranzo: quando era il momento di aprirli, i famigliari, alla vista di un dolcetto goloso, esclamavano:"Whoopie!".

Io ne ho preparata una mia versione con ingredienti e dosi scelti da me. Diciamo che gli ingredienti di base sono uguali agli originali a parte la mancanza del cacao.








INGREDIENTI per 12 Whoopie circa
300g di farina00
120g di zucchero
1 uovo
1/2 bustina di lievito
80ml di olio di semi di girasole
100ml di latte
1 bustina di vanillina

per il ripieno:
240g di formaggio spalmabile
160g di ricotta vaccina
60g di zucchero al velo
muesli, quello che preferite

Mettete in una ciotola lo zucchero con l'uovo e sbattete. Unite il latte e l'olio. Versate la farina con il lievito, la vanillina e mescolate. Per chi dovesse avere la teglia da Whoopie, deve solo suddividere l'impasto negli appositi stampini. Sistemate su di una teglia rivestita di carta forno, con l'aiuto di un cucchiaio, dell'impasto che livellerete dandole una forma rotonda. Cercate di farli tutti grandi uguali.
Mettete in forno caldo a 180° fino a quando sono leggermente dorati, 12-15 minuti circa.
Nel frattempo preparate il ripieno mescolando il formaggio con la ricotta, lo zucchero e mescolate fino a formare una crema. In ultimo aggiungete il muesli. 
Farcite i biscotti e metteteli in frigorifero per una ventina di minuti prima di servirli.














Commenti

  1. Non conoscevo la storia, grazie:) e proverò anche la tua versione con il muesli!
    Sono carinissimi, ciao Susy!

    RispondiElimina
  2. Ciao Susy, mi è capitato di vedere la ricetta dei whoopie in alcuni blog e mi hanno sempre incuriosito, ora conosco anche perché si chiamano così... grazie!!! Con questo ripieno di muesli li hai resi particolari e golosi, sei sempre bravissima!!!
    Un saluto e buona giornata...

    RispondiElimina
  3. non sapevo manco che esistessero delle cose chiamate whoopie, ma ora li devo per forza assaggiare!!!

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo la loro origine ma sai che non conosco nemmeno il loro sapore? Non li ho mai mangiati ma a vedere i tuoi si direbbe che sono una bontà!! :-)

    RispondiElimina
  5. ma davvero???? allora è il caso che anche io dica Whoopie davanti ai tuoi whoopie! bellissimi!!! e con quella cremina proprio a tua misura mi stra piacciono!

    RispondiElimina
  6. ma che meraviglia.. mi è tutto nuovo!!! ;D complimenti!!

    RispondiElimina
  7. Che buoni! Devo essere anche scrocchiarelli col muesli! :)

    RispondiElimina
  8. Io conosco questi dolcetti, mi piacciono molto e li ho anche fatti ma... non sapevo la loro storia! Beata ignoranza!!
    La tua versione mi ingolosisce molto. Salvata! Grazie mille!

    RispondiElimina
  9. Whoopie!! Fantastici davvero, sembrano anche semplici da fare, bravissima Susy

    RispondiElimina
  10. ahahahah conosco benissimo questi dolcetti (che di solito farcisco con la crema di nocciole) ma non conoscevo la loro origine!
    Divertentissima!
    Goloso ripieno il tuo!!!

    RispondiElimina
  11. Li ho visti diverse volte ma pensavo fossero dei biscottini burrosi farciti a piacere...ed invece scopro tutta un'altra ricetta...mi sembra proprio il caso di dire whoopie!!!
    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina

Posta un commento

Vi ringrazio per i vostri commenti, domande o chiarimenti che mi vorrete lasciare, saranno sempre graditi.^_^