14 dicembre 2014

Spaghetti integrali con cavolo, pomodori secchi e semi di finocchio


Nell'attesa, o forse nella speranza, che io entri nello spirito natalizio, vi propongo questi spaghetti, ricchi di verdura e pochi altri ingredienti; perfetti per mantenere il nostro corpo leggero, pronto ad affrontare le imminenti abbuffate natalizie.
Ma sì, ho in mente anche una ricettina per Natale, sicuramente la proporrò nei prossimi giorni.
A presto...






INGREDIENTI

320g di spaghetti integrali, 400g di cavolo cappuccio, 4-5 pomodori secchi sott'olio, 2 spicchi d'aglio, 2 cucchiaini di semi di finocchio, una foglia di alloro, olio d'oliva, sale, pepe.

Tagliate le foglie del cavolo a strisce. Mettetele in una padella con un filo d'olio, gli spicchi d'aglio interi, la foglia d'alloro, i semi di finocchio e sale. Fate cuocere a fiamma bassa fino a quando saranno cotti ma croccanti e aggiungete i pomodori tagliati a pezzi. Lessate gli spaghetti, versateli nella padella e mescolate il tutto. Servite con una macinata di pepe.  





07 dicembre 2014

Biscotti ripieni di fichi secchi, arance e cannella






Mi piacciono i biscotti, biscottoni e biscottini, se poi sono ripieni e accompagnati da una buona tazza di tè, che dire.....ancora meglio! E ogni anno, quando si avvicina il Natale, mi piace prepararli ripieni di fichi secchi e che profumino di arance e cannella. Lo scorso anno ve li ho proposti a forma di spicchi QUI , quest'anno a quadrotti (ma si chiamiamoli così!), chissà il prossimo anno.....
Insomma, sono friabilissimi, grazie anche all'aggiunta del malto, hanno quel giusto profumo e sapore natalizio, tanto che dopo avere mangiato il primo biscotto, la mia decisione è stata immediata: saranno i biscotti da regalare il prossimo Natale. Provateli, e spero di esservi stata di aiuto per i vostri piccoli regalini, quelli da preparare negli ultimi giorni.
Buoni biscotti a tutti!







INGREDIENTI per 30 biscotti:

Per la base:100g di farina00, 50g di farina di riso, 50g di fecola di patate, 50g di mandorle tritate finemente, 20g di zucchero di canna fine, 5g di lievito per dolci (un cucchiaino colmo), 50g di malto d'orzo o miele, 50ml d' olio di girasole, un uovo.
Per il ripieno. 250g di fichi secchi, 2 cucchiai di marmellata d'arance, un cucchiaino di cannella.


In una ciotola miscelate tutti gli ingredienti secchi. Aggiungete il malto,  l'olio e l'uovo. Impastate molto bene, coprite e mettete in frigorifero per almeno mezz'ora. Nel frattempo, con l'aiuto di un mixer o tritatutto, tritate i fichi insieme alla marmellata e la cannella. 
Dividete l'impasto in due parti, stendetele ad uno spessore di 2-3 mm dandole una forma stretta e lunga. Mettete nel centro dei rettangoli i fichi e chiudeteli. Formate con ognuno un cilindro largo circa 3 cm, sarà stretto e molto lungo, e schiacciatelo dandole la forma che vedete nelle foto. Tagliate i biscotti lunghi 4 cm circa e sistemateli su di una teglia rivestita di carta forno. Infornate a 180° statico per 15 minuti circa. Sfornate e mettete a raffreddare su di una gratella.






05 dicembre 2014

Torta con cocco e cioccolato




Con questa semplicissima torta ho fatto una scoperta, almeno per me lo è stata: un nuovo modo di usare il cocco. Messo a riposo nel latte tiepido diventa morbido e si gonfia, in questo modo dona all'impasto morbidezza. Ovviamente abbinato al cioccolato (connubio golosissimo), da vita a questa morbida e golosa torta, ideale da gustare come e quando volete.
Buon venerdì a tutti!






INGREDIENTI

250g di farina00, 50g di farina di riso, 130g di zucchero di canna fine, 80g di cocco secco, una bustina di lievito per dolci, 50g di cioccolato fondente, un uovo, 320 ml di latte, 80ml di olio di girasole o riso


Scaldate il latte, senza portarlo a bollore, unite il cocco e lasciatelo riposare per 15-20 minuti. In una ciotola mettete  le farine, lo zucchero e il lievito. Tritate il cioccolato grossolanamente. In un altro contenitore sbattete leggermente l'uovo con l'olio e uniteli al latte. Versate sulle farine e mescolate bene. Unite il cioccolato e versate in una teglia rettangolare rivestita da carta forno. Infornate a 180° statico per 30-35 minuti circa. Sfornate e mettete su di una gratella a raffreddare.






01 dicembre 2014

Budino allo yogurt e cranberries


Sarà, ma il budino è uno di quei dolci che accontenta sempre tutti, soprattutto gli amanti dei dolci al cucchiaino. Questo budino ha la particolarità di avere nei suoi ingredienti lo yogurt e i granberries: il primo le dona cremosità e i secondi si sposano benissimo con il cioccolato. Facile, veloce e perfetto da preparare anche il giorno prima.
Un buon lunedì a tutti!






INGREDIENTI per 4-6 ciotoline: 250g di latte, 250g di yogurt al naturale, 80g di zucchero, 50g di cioccolato fondente +per sopra, 30g di amido di mais, un cucchiaio di cacao amaro, un cucchiaio di cranberries secchi per ogni ciotolina.



Spezzettate il cioccolato in un pentolino e fatelo fondere con un cucchiaio d' acqua a fuoco basso.
In un pentolino più capiente, mescolate l'amido con lo zucchero e il cacao. Aggiungete, sempre mescolando, il latte e poi lo yogurt. Fate attenzione a non formare grumi. Scaldate il latte senza arrivare a bollore e aggiungete il cioccolato fuso. Portate a bollore, sempre a fuoco basso e, sempre mescolando, quando il budino si sarà addensato, togliete dal fuoco. Bagnate degli stampini o ciotoline, mettete sul fondo i cranberries e versate il budino. Lasciatelo intiepidire e mettete in frigorifero per qualche ora. Potete ribaltarlo su dei piattini o servirlo direttamente nelle ciotoline. In entrambi i casi decorate con delle scaglie di cioccolato.



28 novembre 2014

Pizza di pane con cavolfiore, crescenza e olive.





Buongiorno a tutti! Oggi vi propongo una pizza velocissima che potete preparare all'ultimo minuto variando verdure e formaggi. Perfetta anche per chi non è pratico, non ha la possibilità o il tempo d' impastare e lasciare lievitare la base. Una di quelle ricette salvacena, pranzo o, perchè no, se tagliate delle fette più piccole può diventare anche un antipasto. Io vi ho dato l'idea, voi metteteci un pò della vostra fantasia :-)
Una serena giornata......





INGREDIENTI per una teglia da 20x28cm

10-11 fette di pane in cassetta ai cereali o altro, 600g cimette di cavolfiore, 150g di crescenza, 50ml di latte, una ventina di olive nere, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, sale, pepe.


Lessate in acqua salata, o a vapore, il cavolfiore. Lasciatelo croccante. Sistemate le fette di pane, vicine una all'altra, sul fondo di una teglia rivestita di carta forno facendo un bordo alto 3-4cm e spennellatele con il latte. Sistemate sul pane il cavolfiore, la crescenza a pezzi, le olive, parmigiano e pepe. Infornate a 180° ventilato per 20 minuti circa.







24 novembre 2014

Spaghetti con pesto di funghi e noci


Gli spaghetti sono in assoluto la pasta che prediligo, sono per me quasi consolatori. Un piatto di spaghetti con pomodorini, olio, basilico e una generosa macinata di pepe, sono un conforto in cui affondare la mia forchetta.
Nella pasta di oggi non ci sono pomodorini, anche se ci sarebbero stati molto bene, ma un mix di funghi e noci che creano un pesto, quasi una crema, capace di avvolgere e amalgamare gli spaghetti.











INGREDIENTI

320g di spaghetti grossi, 250g di funghi champignon già puliti, alcuni porcini secchi, 30g di gherigli di noci, 2 fette di pane ( io pane a fette in cassetta), 2 cucchiai di olio di oliva, uno spicchio d'aglio, sale, maggiorana, latte o brodo vegetale, erba cipollina.

Mettete i funghi porcini in ammollo in acqua e il pane in un po' di latte.Tagliate i champignon a pezzi e metteteli in una padella con un filo d'olio, l'aglio intero (che poi toglierete), i funghi porcini e sale. Coprite con un coperchio e lascite cuocere per alcuni minuti. Non devono essere asciutti. Mettete i funghi in un mixer e frullateli insieme alla maggiorana, l'olio, le noci, il pane strizzato. Lessate gli spaghetti e conditeli con il pesto. Se dovessero essere asciutti aggiungete dell'acqua di cottura della pasta. Impiattate e decorate con dell'erba cipollina tritata.

P.S.Se vi piacciono i champignon crudi, aggiugetene alcuni affettati sottili come tocco finale insieme all'erba cipollina.






19 novembre 2014

Biscotti friabili con cranberries e stevia, il dolcificante senza calorie






I biscotti che vi propongo oggi sono i primi di una serie di dolci dedicati alla stevia e che vi proporrò in diversi post. Due parole sulla stevia: una pianta proveniente dalla zona ai confini fra Brasile e Paraguay. La sua caratteristica è di essere un dolcificante naturale con sicuramente un pregio: non ha calorie. Cosa notevole! Un piccolo difetto c'è: ha un retrogusto di liquirizia (che non tutti sentono, ad esempio mia figlia), e che può non piacere; si può comunque camuffare con aromi vari. In commercio se ne trovano diversi tipi: pura in polvere, in compresse (in confezioni tipo quelle dei dolcificanti), in gocce e quella cristallizzata, che io acquisto in un comune supermercato. Questo dolcificante è entrato per la prima volta in casa nostra questa estate e da allora ho dovuto imparare a conoscerlo, sia per il gusto che per le dosi. Ha una notevole capacità dolcificante: tenete presente che io ho usato 30g di stevia al posto di 150g di zucchero di canna o bianco. Devo dirvi che fare i biscotti con la stevia non è semplicissimo, mancano la consistenza e la friabilità dello zucchero. Ho provato e riprovato. Dopo diversi tentativi, direi molti, ecco il biscotto che finalmente mi soddisfa. L'ispirazione l'ho presa dal libro* Naturalmente dolci* e ho cambiato alcuni ingredienti.

P.S. Messi in una graziosa scatola possono essere un piccolo pensiero da donare ad una persona affetta da diabete o altre malattie. Per chi non ha problemi è tutto facile, ma ci sono persone che, soprattutto durante le feste come il prossimo Natale, devono rinunciare a molte prelibatezze.








 INGREDIENTI per una decina di biscotti

75g di farina semi-integrale, 50g di farina di riso, 50g di nocciole o mandorle tritate finemente, 50g di cranberries secchi, 30g di stevia cristallizzata, 5g di lievito per dolci, un tuorlo d'uovo, 40ml d' olio di girasole o riso, 4 cucchiai di latte.

Mescolate tutti gli ingredienti secchi e aggiungete il tuorlo, l'olio e il latte. Impastate fino a miscelare bene tutti gli ingredienti, coprite e mettete in frigorifero per almeno 30 minuti. 
Stendete l'impasto ad un'altezza di 3-4 mm e ritagliate i biscotti con l'aiuto di un coppapasta. Sistemateli su di una teglia rivestita di carta forno e infornateli a 180° statico per 15 minuti. Fateli raffreddare su di una gratella.





16 novembre 2014

Crostata con mele al tè, crema di quark e sciroppo




Ricordo che da piccola, quando ancora abitavo a Milano, in questo periodo dell'anno la nebbia era molto presente, fredda (io è così che la ricordo), umida, e capace di non fare vedere nulla a distanza di pochi metri. E qui dove abito ora, sul confine svizzero, le giornate erano soleggiate ma fredde, i boschi avevano un colore autunnale e le castagne abbondavano. Quest'anno non sono riuscita a raccogliere una castagna, non ce ne sono, i colori autunnali sono smorzati da questa pioggia incessante, e non fa freddo. Sono una persona che si adatta alle situazioni, ma non so se questa che si sta presentando in questi ultimi anni mi piace, mi mancano quegli autunni dove i colori dorati e rossi risplendevano al sole e il mio cestino si riempiva di castagne che poi avrei arrostito nel camino.

Regaliamoci un momento di delicatezza con questa crostata, con il suo gusto leggero, tenue. Perfetta con un tè o come dolce a fine pasto.
Per cuocere le mele ho usato un tè ai frutti di bosco, ecco perché hanno assunto un colore rossastro, ma potete anche sostituirlo con un tè alla pesca o gelsomino.





Ricetta presa dalla rivista *cucina di stagione* e da me modificata

  INGREDIENTI per una teglia da 26-28cm

Per la base: 150g di farina00, 50g di fecola, 80g di zucchero, 50ml di olio di girasole, un uovo, 1-2 cucchiai d'acqua. 
800g di mele pulite, 80g di zucchero, 1/2 limone, 1dl di acqua, 3 bustine di tè ai frutti di bosco.
Per la crema: 250g di quark magro (o yogurt greco), un uovo, 40g di zucchero, 10g di amido di mais, 1/2 bustina di lievito per dolci.

Preparare la base impastando tutti gli ingredienti secchi con quelli liquidi. Coprite e mettete in frigorifero per 30 minuti circa.
Scaldate l'acqua e mettete in fusione le bustine di tè insieme al succo del limone e lo zucchero. Tagliate le mele a pezzetti e fatele cuocere nell'infuso di tè a fuoco basso fino a quando saranno tenere. Scolatele, conservando l'infuso, e lasciatele intiepidire. 
Preparate la crema mescolando l'uovo con lo zucchero. Aggiungete il quark e la maizena. 
Stendete la pasta e sistematela in una teglia con un bordo alto 3-4 cm. Sistemate sul fondo le mele e ricopritele con la crema. Infornate a 180° statico per 30-35 minuti circa.
Mettete l'infuso che avete messo da parte e, se occorre, fatelo ridurre fino ad ottenere uno sciroppo.
Fate raffreddare la crostata su di una gratella e servitela accompagnata con lo sciroppo di tè e mele. 







10 novembre 2014

Crocchette di risotto alla verza e curcuma




"Pensa quel tanto che serve,
non un attimo in più,
perché dietro quell’attimo
sta in agguato il dubbio."
Wisława Szymborska

Questa frase, scritta da una poetessa polacca, dovrei leggerla e ripeterla ogni volta che i miei pensieri non smettono di galoppare e alla fine arrivano al bivio: il dubbio. Esempio: il post di oggi!
Crocchette o polpette? Ma sì, in qualsiasi modo scelgo di chiamarle sono e restano un comfort food per eccellenza. Tonde, allungate, appiattite, con mille ingredienti da abbinare e miscelare, piacciono sempre a tutti e non bastano mai. Devo ammettere che non ho mai capito la differenza tra una e l'altra. Ho cercato tra web e libri di ogni genere ma non ho trovato una risposta soddisfacente. Sarà solo una propria scelta: polpette o crocchette?
Quelle di oggi ho scelto di chiamarle crocchette e sono una vera delizia; oltre alla verza e la curcuma, un buon pezzo di taleggio dona la giusta cremosità al risotto che viene poi racchiuso in una impanatura croccante. Possono essere usate come finger food o, abbinate a della verdura, come piatto unico.




 




Il risotto va preparato in anticipo, meglio se il giorno prima.

INGREDIENTI per 15 crocchette circa:

200g di riso per risotti, 300g di verza già pulita, 2 foglie di alloro,6-7dl di brodo vegetale, sale, olio d'oliva, un cucchiaino di curcuma, 90g di taleggio, 30g di mandorle tritate grossolanamente, farina di riso q.b., pangrattato q.b., latte.

Mettete in un tegame con un filo d'olio il riso e fatelo tostare. Aggiungete la verza tagliata a pezzetti, l'alloro e bagnate con il brodo. Proseguite aggiungendo il brodo fino a quando il riso sarà cotto e ben asciutto. Togliete dal fuoco, aggiungete la curcuma e il taleggio. Mescolate e lasciate che il risotto si raffreddi completamente, meglio se lo preparate il giorno prima. Aggiungete poi le mandorle e formate delle palline. Passatele prima nella farina, poi nel latte, ed infine nel pangrattato. Sistematele su di una teglia da forno rivestita da carta forno e oliatele.
Infornate a 190° ventilato per 20 minuti circa.




06 novembre 2014

Strudel con cavolo cinese, coppa e semi di finocchio


Le mie ricette sono semplici e poco elaborate, fatte di pochi, semplici e sani ingredienti. Un esempio potrebbe essere lo strudel che vi propongo oggi; cavolo e coppa sono gli unici ingredienti che compongono il ripieno, eppure vi assicuro che è molto saporito. Ottimo sia caldo che freddo. Tagliato a fette non molto spesse potrebbe essere anche un'idea per un antipasto veloce e un po' diverso.






INGREDIENTI:

200g di farina 00, un uovo, 3 cucchiai di olio di girasole, sale, acqua tiepida (io circa 3-4 cucchiai)
600g di cavolo cinese già pulito, 100g di coppa a fette, 2 spicchi d'aglio, sale, olio d'oliva, un cucchiaio di semi di finocchio.


In una ciotola o meglio in una impastatrice, mettete la farina con il sale, l'uovo, 2 cucchiai d'olio e l'acqua. Impastate per almeno 5 minuti. Spennellate con l'olio rimasto, coprite e lasciate riposare per almeno un'ora.*
Nel frattempo mettete il cavolo in una padella con un filo d'olio, il sale e l'aglio, che a fine cottura toglierete. Fatelo cuocere fino a quando sarà tenero, in caso aggiungete dell'acqua. Fatelo asciugare completamente.
Dividete l'impasto in due parti e stendetele molto sottili cercando di darle una forma rettangolare.  Sistematele, sovrapponendole, sopra un foglio di cartaforno e ricoprite con la coppa, lasciando liberi i bordi, e il cavolo. Ripiegate i lati più corti della base verso l'interno e arrotolate (aiutandovi con la cartaforno) i lati più lunghi formando un rotolo. Spennellate con dell'olio e copritelo con i semi di finocchio. Infornate a 180° ventilato per 20 minuti circa.

* Potete anche preparalo la sera prima e conservarlo in frigorifero.



03 novembre 2014

Plumcake con succo d'uva






Pochi e semplici ingredienti compongono questo plumcake, morbido a dalla giusta consistenza. L'uva è la protagonista, sia sotto forma di succo (a fine ricetta vi spiego come ricavarlo), sia come elemento decorativo. Avrei solo due piccoli consigli da darvi: il primo è che non è molto dolce, a me piace così, ma potete aggiungere zucchero, il secondo è che sono stata un po' scarsa nella quantità di acini d'uva nella copertura, avevo paura che sprofondassero e che rendessero l'impasto troppo molle. Ne ho messi una decina ma andrebbero bene anche il doppio. L'ho preparato un pomeriggio come merenda (infatti per motivi di luce l'ho tagliato e fotografato che era ancora caldo e le fette erano un po' appiccicose) ma sarebbe perfetto anche per la prima colazione.








INGREDIENTI 


300g di farina 00, 20g di fecola di patate, 100g di zucchero di canna fine, 150ml di succo d'uva bianca*, 125g di yogurt al naturale, un uovo, 60ml di olio di girasole, una bustina di lievito per dolci, alcuni acini d'uva bianca

In una ciotola sbattete l'uovo con lo zucchero. Unite lo yogurt, l'olio e il succo. Unite infine la farina che avrete mescolato con la fecola e il lievito. Mescolate fino ad avere un impasto liscio.
Oliate o foderate una teglia da plumcake e versate il composto. Tagliate alcuni acini d'uva a metà, eliminate i noccioli e sistemateli sulla superficie del plumcake. 
Infornate a 180° statico per 40 minuti circa. Sfornate e lasciatelo raffreddare su di una graticola.

*Io ho fatto il succo con la centrifuga aggiungendo il succo di 1/2 limone. Nel caso non foste in possesso della centrifuga, potete passare gli acini d'uva nel passaverdure e poi filtrarlo.


30 ottobre 2014

Polenta ricotta e limone con spiedini di pollo





Non ero sicura di riuscire a scrive questo post entro oggi, ed invece eccomi qua, con una ricetta che potrebbe essere un'idea per il pranzo della domenica. Una polenta particolare arricchita con ricotta e limone. Dei simpatici spiedini che, insieme al loro saporito condimento, completano questo piatto che definirei un piatto unico. Il bello della polenta è  proprio questo, la si può abbinare e condire con quello che più ci piace, anche dolce. Beh, devo dire che la mia versione dolce preferita è polenta e latte, un'idea veloce di riciclo. Spesso la mangio la domenica sera, tagliata a fette e grigliata. Ancora calda la tuffo in una tazza di latte freddo e la mangio a cucchiaiate. Sono quei piatti che si mangiano da piccoli e poi rimangono nei propri ricordi per tutta la vita. 








Ricetta presa dalla rivista *cucina di stagione* e da me modificata
INGREDIENTI:

250g di semola di mais fine, 1l brodo vegetale+un mestolo per gli spiedini, 200g di ricotta vaccina, 1/2 limone.
Per gli spiedini: 4 fette di petto di pollo, un limone, 1 spicchio d'aglio, 2 cucchiai d'olio di oliva, un trito di erbe aromatiche (salvia, rosmarino, timo, maggiorana...), un cucchiaio di prezzemolo tritato, un cucchiaino di senape, sale, 1-2 cucchiaini di farina, 4 stuzzicadenti lunghi.



Tagliate le fette di pollo per il lungo a strisce larghe un paio di cm e mettetele in una ciotola. Preparate una salsina mescolando l'olio, le erbe aromatiche, il succo del limone, la senape e versate sul pollo. 
Portate ad ebollizione il brodo e versate a pioggia la farina di mais. Lasciate cuocere secondo le istruzioni riportate sulla confezione.
Nel frattempo infilate le strisce di pollo negli stuzzicadenti, sistemateli in una padella, bagnateli con il mestolo di brodo e fateli cuocere a fuoco basso fino a quando la carne sarà cotta*. Togliete gli spiedini, aggiungete con l'aiuto di un colino la farina, per fare addensare la salsa. Aggiungete infine il prezzemolo e rimettete gli spiedini.
A fine cottura della polenta, aggiungete la ricotta, la buccia grattugiata del 1/2 limone e un cucchiaio di succo.
Servite la polenta con gli spiedini irrorati di salsa.

*Se dovessero asciugare aggiungete altro brodo, deve rimanere una salsa.






27 ottobre 2014

Tortini al sesamo con broccoletti e patate





Oggi vi propongo dei tortini con una base ai semi di sesamo, un ripieno di broccoletti e pomodori secchi. Un modo semplice ma diverso di usare i broccoletti che, data la stagione, entrano nella mia cucina almeno una volta la settimana. Potete fare anche un'unica torta, ma in questo caso per la copertura vi serviranno due patate.
Buon appetito!








INGREDIENTI per 6 tortini

Per la base: 50g di farina00, 50g di farina di farro, 20ml di olio di oliva leggero, un cucchiaio di semi di sesamo, 1/2 cucchiaino di lievito per torte salate,1/2 cucchiaino di zucchero, sale, acqua (io circa 30-40ml)
Per il ripieno:150g di cimette di broccoletti, 150g di patate+una patata piccola per sopra, un albume d'uovo, 10g di pecorino grattugiato, 3-4 pomodori secchi sott'olio, origano, sale, pepe, olio di oliva.


Versate in una ciotola le farine insieme al lievito, il sale,  lo zucchero e i semi di sesamo che avrete in precedenza tostato. Aggiungete l'olio e l'acqua necessaria per avere un impasto omogeneo. Copritelo e lasciatelo riposare per 30 minuti circa.
Lessate i broccoletti e lasciteli intiepidire. Lessate anche i 150g di patate e schiacciateli. Frullate i broccoletti con il pecorino, aggiungete le patate, il sale, pepe, origano, i pomodori tagliati a pezzetti e infine l'albume semi sbattuto.
Dividete l'impasto in 6 parti, stendetele, rivestite delle formine da forno e bucherellate il fondo. Riempite con il composto di broccoletti e livellate. Sbucciate la patata rimasta e con una mandolina o un pelapatate ricavate delle fettine sottilissime. Sistematele sui tortini e spennellatele con dell'olio.
Mettete in forno caldo a 190°statico per 25 minuti circa + altri 5 minuti ventilato.
Sono buoni sia caldi che freddi.
 



24 ottobre 2014

Cachi e robiola per un dolce cremoso


Un dessert delicato, cremoso, fatto di pochi e semplici ingredienti: cachi, robiola, yogurt greco e Pavesini. Una sorta di tiramisù che, nonostante la sua delicatezza, è capace di "tirare sù":-)
Alcuni piccoli consigli:
- preparatelo almeno un'ora prima in modo da lasciare il tempo ai pavesini di ammorbidirsi
- in alternativa ai piattini potete preparlo e servirlo direttamente in coppette
- essendo, per me, i Pavesini molto dolci, non ho aggiunto zucchero al caco. Voi regolatevi in base ai vostri gusti.

Un sereno weekend a tutti!  








INGREDIENTI per due porzioni abbondanti
La polpa di un caco, un cucchiaio di succo di limone, 1/2 cucchiaino di zucchero vanigliato, 170g di yogurt greco, 100g di robiola, 40g di zucchero al velo, 24 Pavesini, alcuni pistacchi senza sale tritati.


Frullate la polpa del caco con il limone e la vaniglia. In una ciotola mescolate lo yogurt con la robiola e lo zucchero formando una crema. 
Partite mettendo in ogni singolo piattino un po' di crema. Mettete tre Pavesini e ricoprite con il caco. Proseguite con altri tre Pavesini e della crema. Continuate gli strati finendo con la crema. Mettetelo in frigorifero per almeno un'ora e decorate con i pistacchi prima di servirlo.




20 ottobre 2014

Mini crocchette di cavolfiore con provolone e speck





Definirei queste mini crocchette molto golose e pur non amando in modo particolare il provolone, devo ammettere che qui ci sta proprio bene.
Nella ricetta troverete la parola *Panko* che ho usato per l'impanatura. In realtà è un particolare tipo di impanatura della cucina giapponese che conferisce più croccantezza rispetto al nostro pangrattato. Viene preparato con fette di bianco e un particolare procedimento di lavorazione. Si può trovare in commercio, ma sinceramente è ottimo anche preparato in casa. Come in tutte le cose, ho letto diversi metodi per la tostatura o seccatura del pane, ma io ho voluto provare un mio metodo semplicissimo ed economico (mi sembrava uno spreco accendere il forno per due fette di pane!) che trovate nella ricetta. Potete anche prepararne in più e quando è completamente freddo conservarlo in un vasetto di vetro a chiusura ermetica. Vi consiglio comunque di non conservarlo per un lungo periodo.


        *****************



INGREDIENTI: 100g di cimette di cavolfiore, 100g di patate, 50g di speck a fette, 40g di provolone piccante grattugiato grosso, panko per l'impanatura (2 fette di pane tipo pancarrè), sale, pepe, olio di oliva.


Lessate le patate e il cavolfiore possibilmente a vapore. Mettete le verdure in una ciotola, schiacciatele con una forchetta e lasciatele raffreddare. Nel frattempo preparate il panko. Con le mani o in un mixer, sbriciolate le fette di pane e mettetele in una padella antiaderente. Fatele asciugare a fuoco basso, devono essere croccanti, non bruciate. Se ci fossero dei pezzetti grossi, sbriciolateli ulteriormente con le dita. Unite alle verdure il provolone, lo speck tagliato a pezzetti, sale, pepe e mescolate. Se il composto dovesse essere molle, aggiungete del pangrattato o del panko (a me non è servito). Formate delle piccole crocchette e passatele, schiacciando leggermente, nel panko. Fatele cuocere in una padella con dell'olio d'oliva fino a doratura o in forno su una placca rivestita di carta forno oliata e girandole a metà cottura. 




17 ottobre 2014

Pudding di riso, mele e confettura di albicocche





Quello che vi propongo oggi è uno dei tanti Pudding della cucina tradizionale inglese. Un pudding in cui la confettura di albicocche, le mele e il riso si alternano fino ad arrivare al topping di mandorle. Il  nome originale è " Marquis Pudding", e devo ammettere che, pur non facendo praticamente mai, anche se buonissimi, i dolci inglesi perché per me troppo "ricchi" di tutto, questo mi ha colpito per la semplicità degli ingredienti.
Io ho preferito farli in mono porzioni in modo da poterli servire direttamente nelle cocottine in cui li ho cotti, ma si può fare anche in un unico contenitore.

Alla prossima settimana....






INGREDIENTI per 6 cocottine piccole o una grande: 500g di mele già pulite, 500ml di latte+altri 50ml , 150g di confettura di albicocche, 100g di riso, 100g di ricotta *, 50g di zucchero di canna fine, 30g di mandorle tritate finemente, il succo e la buccia di 1/2 limone,un uovo.

*la ricetta originale prevedeva 150ml di panna che io ho sostituito con 100g di ricotta e 50ml di latte.

Versate i 500ml di latte con la buccia intera (solo la parte gialla) del limone e portate a bollore. Versate il riso e fate cuocere a fuoco medio fino a quando il riso sarà cotto e il latte asciugato completamente. Eliminate la scorza, unite 20g di zucchero e lasciate intiepidire.
Nel frattempo tagliate le mele a pezzetti e mettetele in un pentolino con 10g di zucchero e il succo del limone, coprite e fate cuocere fino a quando le mele saranno morbide e asciutte. Se dovesse servire aggiungete un po' d'acqua.
In una ciotola mescolate la ricotta con i 50ml di latte formando una crema ed unitela al riso tiepido.
Stendete sul fondo di ogni cocottina un leggero strato di confettura, proseguite con un po' di mele e coprite con il riso. Ripetete gli strati finendo con il riso. Le cocottine devono essere piene per 3/4.
In una ciotolina mescolate i rimanenti 20g di zucchero con le mandorle, l'uovo e dividete il composto sopra il riso.
Mettete in forno caldo a 180°ventilato per 20 minuti circa. Se usate una cocotte grande, regolatevi con il tempo di cottura.
Servite caldi o tiepidi direttamente nelle cocottine.






08 ottobre 2014

Nei biscotti lo zucchero può fare la differenza







Basta un aroma, una spezia, o come in questo caso, uno zucchero dal sapore e profumo particolari, a rendere speciali dei semplici biscotti, perfetti per iniziare la giornata con una sana colazione o da sgranocchiare come spuntino.
Lo zucchero in questione si chiama " Dulcita", prodotto in Ecuador da agricoltura biologica e distribuito da Altromercato. E' uno zucchero di canna non raffinato e lavorato in modo artigianale per mantenere tutti i principi nutritivi che normalmente si perdono con la raffinazione per ottenere dello zucchero bianco. E' infatti ricco di sali minerali, tra cui il ferro. Ha un sapore dolce, mieloso e un colore ambrato.
Ecco perché utilizzare questo zucchero nella preparazione di questi biscotti si è rivelata un'ottima scelta. 
Una dolce settimana a tutti!









INGREDIENTI per 25 biscotti circa: 100g di farina di riso, 100g di farina integrale, 60g di zucchero integrale Dulcita (più un po' per sopra), un cucchiaino di lievito, due cucchiai di malto d'orzo (o riso), 50 ml di olio di girasole, un uovo.



Mettete in una ciotola le farine con il lievito e lo zucchero. In un'altra mescolate l'uovo con l'olio e il malto. Versate sulle farine ed impastate formando un impasto omogeneo. Copritelo e mettetelo in frigorifero per almeno 2-3 ore*. Infarinate leggermente un piano da lavoro e stendete l'impasto ad un'altezza di 1 cm circa. Con delle formine ritagliate i biscotti, sistemateli su di una teglia rivestita di carta forno, cospargeteli di zucchero e metteteli in forno caldo a 180° statico per 15 minuti circa.
Sistemateli su di una graticola per farli raffreddare. 

* potete anche preparalo la sera, lasciarlo tutta la notte in frigorifero e stenderlo al mattino, o viceversa.





02 ottobre 2014

Gnocchetti di ceci con erbe aromatiche e pomodori secchi





Gnocchi il giovedì? Ma no! Sono così buoni e rappresentano un piatto completo e vario che li possiamo mangiare in qualsiasi giorno della settimana. Si possono preparare di patate, ricotta, farina o come in questo caso di ceci. Un modo diverso di preparare e mangiare i legumi.
Ho scelto di condirli con un trito di erbe aromatiche e pomodori secchi che secondo me si sposano molto bene con i ceci. Abbinateci delle verdure ed avrete un piatto unico.





INGREDIENTI per 4 persone: 480g di ceci lessati o 160g secchi, 30g di farina di ceci, farina00 q.b.( regolatevi in base a quanta ne assorbono i ceci, io 40g)
Un mazzetto di erbe aromatiche (rosmarino, timo, maggiorana), 6-8 pomodori secchi sott'olio, pepe, olio di oliva.


Mettete i ceci in un mixer e tritateli finemente. Versateli in una ciotola, aggiungete le farine e impastate fino ad ottenere un composto dalla giusta consistenza. Su di un piano da lavoro formate con un po' d'impasto dei piccoli cilindri, tagliate i gnocchetti e sistemateli su di un vassoio infarinato.
Portate a bollore dell'acqua salata. Nel frattempo in una padella antiaderente mettete dell'olio con le erbe tritate, i pomodori sgocciolati e tagliati a pezzetti, e scaldate il tutto. Versate i gnocchi nell'acqua calda, scolateli quando vengono a galla e metteteli nella padella con le erbe e mescolate. Servite subito con un'abbondante macinata di pepe.